Il mare più bello
  • Dove il Mar Ionio fa capolino e incontra l’Adriatico, tra colline brulle, frumento e tabacco, si trova una delle terre più affascinanti d’Italia: il Salento.
    Tra baie, grotte e torri d’avvistamento andiamo in viaggio nella terra dei Messapi, alla scoperta di spiagge di calette e luoghi da non perdere lungo i 300 chilometri di costa.
  • Baia dei Turchi a pochi chilometri dalla città di Otranto, è un vero e proprio paradiso dalla sabbia bianca, gli scogli ocra e le acque limpidissime;
    Santa Cesarea Terme è una delle meraviglie che si affaccia a strapiombo sulla Baia di Otranto, dove oltre alla bellezza del mare e della buona cucina potrete rigenerarvi grazie alle acque sulfuree della regione;
    Porto Badisco tra Santa Cesarea e Otranto, raggiungete il piccolo borgo di pescatori. Qui troverete una incantevole costa frastagliata formata da calette, anfratti nascoste tra la roccia bianca, tutto circondato dalle dolci fragranze del mirto, del timo e del finocchio selvatico;
    Castro in barca o a nuoto raggiungete le bellissime grotte dove l’acqua dal turchese diventa cobalto e dirigetevi poi verso la famosa grotta della Zinzulusa. Da un enorme atrio, seguite il Corridoio della Meraviglie, un fantastico percorso dove stalagmiti e stalattiti;
    Pescoluse una volta giunti in spiaggia la sensazione è quella di trovarsi su una lontana spiaggia esotica. Tra splendide dune e circondati da vegetazione e ginepri, non perdete questo paradiso definito le Maldive del Salento;
    Baia di Porto Selvaggio chiusa in una caletta all’interno della riserva naturale di Porto Selvaggio, con le correnti d’acqua fredda che danno sollievo nelle torride giornate di sol leone, si giunge alla baia attraverso un percorso nella fitta macchia mediterranea dal profumo di ginestre e lentischi. E’ una spiaggia rocciosa immersa in uno scenario contornato da fitta vegetazione e il mare ha colore del cobalto;
    Punta della Suina dopo una fitta pineta appare lo splendore del mare piu’ cristallino dalle sfumature smeraldi e turchesi.